Author Topic: Prandelli: “Parte sinistra? Obiettivo di partenza“  (Read 26 times)

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 414545
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Prandelli: “Parte sinistra? Obiettivo di partenza. Firenze merita una squadra coraggiosa. Bati? Mi piacerebbe”

La diretta testuale della conferenza stampa di Cesare Prandelli, che prende il posto di Iachini sulla panchina viola

Dopo l’esonero di Iachini, può iniziare ufficialmente il Prandelli-bis. Il tecnico di Orzinuovi si (ri)presenta in una conferenza stampa video, come ormai da consuetudine in periodo di Covid. Le emozioni del ritorno ma anche le idee per come rilanciare la Fiorentina. Ecco le parole di Cesare Prandelli:

“Con Beppe ci siamo abbracciati, mi dispiace per lui. Mai avrei pensato di prendere il suo posto. Ho trovato la dirigenza molto coesa, decisa e determinata, condizione determinante per fare bene. Stanotte ho dormito poco e il primo pensiero è andato a Ciccio (Rialti, ndr) che avrebbe fatto un invito a remare tutti nella stessa posizione. E poi un’altra considerazione la voglio fare, ho ricevuto una telefonata una settimana fa da Preziosi che mi ha stupito e quasi commosso, mi ha detto che aveva parlato bene di me alla Fiorentina e che mi avrebbero chiamato. Lo ringrazio pubblicamente.

Negli ultimi 15 anni ho sempre avuto il pensiero per la Fiorentina, penso di essere stato l’unico allenatore a fare per due anni l’abbonamento. Firenze mi ha sempre voluto bene e spero di dare tanto in questi mesi. Se si toglie il romanticismo, la vita diventa noiosa. Vivo di sentimenti e provo un amore profondo per questa società. Non ho messo nessuna condizione e mi sono messo a disposizione. Ho una doppia responsabilità, come allenatore e come tifoso. Le cose cambiano, Firenze rimane una città molto particolare ed esigente. Dobbiamo capire noi dove siamo e cosa vuole la gente, serve grande rispetto.

Il modulo? Qualche idea ce l’ho ma voglio prima confrontarmi con i giocatori prima di fare eventualmente qualche cambio.

Kouame? Non lo considero una prima punta ma più una seconda punta. Per quanto riguarda Amrabat non è un regista classico, ha qualità straordinarie e può occupare anche quella posizione davanti alla difesa. La prima cosa che ho detto a Daniele è che la Fiorentina ha un buon motore e bisogna capire perché qualcosa non è andato, ma le basi ci sono.

Chi me l’ha fatto fare? Il cuore, l’istinto. Io molto spesso trovando per strada tanti tifosi, mi chiedevano di tornare. Ma io non sarei mai andato via. Sono tornato anche per riprendere un certo discorso, perchè la potenzialità della piazza e di una società che vuol cercare di essere all’altezza è una sfida importante. Puoi anche rovinare qualche equilibrio, ma so che non sarò mai solo in questo percorso.

Cosa mi ha detto Commisso? Mi ha detto che secondo lui la squadra è buona, l’ho trovato molto positivo e molto sul pezzo, distante ma presente. Mi ha sorpreso positivamente la sensibilità umana sua e di Joe Barone. Mi hanno detto che prima di iniziare avrebbero voluto parlare con Beppe e ringraziarlo.

Il senso di appartenenza? E’ semplice, basta vivere la città e sentire gli umori. Ma soprattutto la squadra che indossa questa maglia deve uscire sempre a testa alta, dobbiamo togliere tutti gli ostacoli mentali e avere il coraggio di fare le cose. La tifoseria è molto pretenziosa ma è giusto che sia così, siamo Firenze, i fiorentini non vogliono sentirsi inferiori a nessuno almeno in partenza. Difficoltà ne troveremo molte, non ho la bacchetta magica, ma se partiamo dalla base di un senso di appartenenza è già una base straordinaria.

I ricordi? Per 4 anni e mezzo è stato un rapporto improntato al rispetto, la fiducia e la voglia di fare sempre meglio. Negli ultimi mesi è cambiata l’idea di progetto tecnico e può capitare che dopo tanti non si sia d’accordo sul percorso. Il ricordo di quella Fiorentina è sempre stato molto buono. La pagina da scrivere? Il mio sogno è quello di proporre una squadra coraggiosa e propositiva, che si gioca la partita con tutti. Non ho nessuna aspettativa per il futuro, ma sono convinto di avere una buona squadra.

Un messaggio alla gente? Non devi chiedere molto ma soprattutto ascoltare e avere rispetto. Chiedere aiuto in questo momento diventa complicato, perché è un momento storico molto particolare e noi siamo dei privilegiati.

Errore che non devo commettere? Non avere troppa esuberanza, iniziare con pochi principi chiari. Nel momento in cui saranno acquisiti si può lavorare per migliorare anche a livello individuale. Per i giocatori è una giornata traumatica, molti erano legati a Beppe, devo cercare di non essere troppo esuberante.

Obiettivo parte sinistra? Deve essere solo una partenza, non un arrivo. Questa squadra ha ottime potenzialità e mi auguro di tirarle fuori, poi non dovremo accontentarci. In questo momento dobbiamo essere pratici senza sognare troppo, ma lavoreremo in questo senso.

Quando Pradè mi ha chiamato sono rimasto piacevolmente sorpreso e dopo 3 secondi abbiamo iniziato a parlare di calcio.

Batistuta nello staff? Lo chiamerò dopo, non l’ho ancora sentito per questioni di fuso. Per me può essere un valore aggiunto, l’ho sempre detto anche a lui. Il suo carisma e la possibilità di essere allenati da lui può essere importante per gli attaccanti. In questo momento non è un discorso praticabile ma potrebbe esserlo più avanti.

Ribery? Non ci ho ancora parlato, gli chiederò se si ricorda qualcosa di quel furto in Champions col Bayern, gli dirò che è un mariuolo (ride, ndr). E’ un campione meraviglioso che ci può fare la differenza, ma non possiamo cercare di dare sempre la palla a lui e aspettare che inventi la giocata.

Difesa a 4? Ormai quando si parla di sistema di gioco si parla del posizionamento in fase difensiva, ma poi c’è lo sviluppo di gioco. La mia idea è capire se i giocatori sono presupposti a recepire un’altra soluzione, la squadra deve essere preparata a tutti i sistemi di gioco per cambiarli anche a gara in corso.

Il calcio a porte chiuse? Ho notato che senza il tifo, le squadre con meno qualità e meno personalità riescono ad osare di più. Dovremo farci trovare pronti. Nel calcio moderno senza aggressività e intensità si va poco lontano, ma bisogna abbinare la qualità.

Io traghettatore? Chiamatemi come volete, io voglio fare questo lavoro in maniera importante. Sono in una società che ha sempre privilegiato la meritocrazia, ma non penso minimamente al futuro.

Simone Bargellini
@SimBarg
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 414545
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Prandelli, il modulo e i singoli: “Ecco come vorrei far giocare la mia Fiorentina”

Il tecnico intenzionato a cambiare modulo, ma in modo graduale. “Giocheremo anche a 4 dietro. Amrabat non è un regista”

Questi i passaggi della conferenza stampa di Cesare Prandelli relativi all’aspetto tecnico: “Il modulo? Qualche idea ce l’ho ma voglio prima confrontarmi con i giocatori prima di fare eventualmente qualche cambio. Kouame? Non lo considero una prima punta ma più una seconda punta. Per quanto riguarda Amrabat non è un regista classico, ha qualità straordinarie e può occupare anche quella posizione davanti alla difesa. La prima cosa che ho detto a Daniele è che la Fiorentina ha un buon motore e bisogna capire perchè qualcosa non è andato, ma le basi ci sono. Errore che non devo commettere? Non avere troppa esuberanza, iniziare con pochi principi chiari. Il mio sogno è quello di proporre una squadra coraggiosa e propositiva, che si gioca la partita con tutti. Non ho nessuna aspettativa per il futuro, ma sono convinto di avere una buona squadra. Difesa a 4? Ormai quando si parla di sistema di gioco si parla del posizionamento in fase difensiva, ma poi c’è lo sviluppo di gioco. La mia idea è capire se i giocatori sono presupposti a recepire un’altra soluzione, la squadra deve essere preparata a tutti i sistemi di gioco per cambiarli anche a gara in corso”.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 414545
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Pradè: “Grazie a Iachini. Prandelli scelta condivisa da tutti. Se avessi voluto Juric o De Zerbi…”

Il dirigente della Fiorentina riaccoglie Prandelli

Daniele Pradè ha così commentato in conferenza stampa il ritorno di Cesare Prandelli sulla panchina della Fiorentina:

    Voglio ringraziare Beppe Iachini, da parte di tutti. È stato un piacere lavorare con te e mi hai insegnato molto, il calcio e lo sport sono delle situazioni particolari che ci hanno costretto a cambiare e a scegliere Cesare Prandelli che è stata una scelta fortemente condivisa. Lo conosco bene, abbiamo lavorato insieme e da parte di tutti voglio dare il benvenuto a Cesare. Da Cesare mi aspetto empatia ed alchimia, cose che ci sono mancate recentemente. I cavalli di ritorno non fanno bene? Spero che questa volta venga invertita la tendenza. Qualsiasi cosa destabilizzante ci sia è difficile trovare un’unione così forte, io sono la terza persona che prende le decisioni sotto l’aspetto tecnico, il presidente entra nelle discussioni solo dopo che un confronto tra me e Barone, le scelte sono sempre condivise così come lo è stato Iachini. Se io avessi voluto prendere Juric o De Zerbi il presidente me l’avrebbe fatto prendere, ho una mia autonomia. Commisso ha investito più di 300 milioni, abbiamo cambiato 20 giocatori in un anno e mezzo e altri 70 sono usciti. Se un anno è buttato io devo andare via e non voglio arrivare a questo. Io sono il primo responsabile se qualche scelta viene sbagliata. Il contratto di Prandelli sarà fino a giugno.

Vincenzo Pennisi
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 414545
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
VIDEO – Prandelli: “Fino a qualche settimana fa non pensavo di poter tornare. Preziosi mi ha detto…”

Prandelli svela un retroscena su Preziosi

Prandelli svela un aneddoto riguardo al presidente del Genoa Preziosi:


Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 414545
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
VIDEO – Prandelli: “La parte sinistra della classifica? Mai accontentarsi”

Parla Prandelli

Il nuovo allenatore della Fiorentina Prandelli parla dei possibili traguardi per il club gigliato:


Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 414545
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
VIDEO – Pradè: “Se avessi voluto Juric o De Zerbi il presidente me l’avrebbe fatto prendere”

Parla il responsabile dell’area tecnica viola

Pradè torna a parlare dei nomi accostati alla panchina viola la scorsa estate:


Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

 

With Quick-Reply you can write a post when viewing a topic without loading a new page. You can still use bulletin board code and smileys as you would in a normal post.

Name: Email:
Anti-spam: complete the task