Author Topic: Il progetto del nuovo stadio  (Read 4468 times)

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 354677
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: Il progetto del nuovo stadio
« Reply #248 on: 02/19/19, 15:37 »
La capienza del nuovo stadio e i contrasti. Il Comune: “Da valutare l’organicità del progetto”

La nuova casa della Fiorentina potrebbe veder ridotta la capienza rispetto agli originari 40.000 posti

Parallelamente alle scorie postume la gara contro la SPAL, a Firenze si è aperto un dibattito destinato a crescere e tener banco anche in sede comunale per alcuni mesi. La questione legata al nuovo stadio della Fiorentina e alla possibile riduzione della capienza rispetto al progetto primordiale sono adesso oggetto di discussione. Dopo le intenzioni filtrate da Viale Fanti, il Comune ha risposto attraverso il Sindaco Dario Nardella: «Scendere sotto i 35.000 posti sarebbe un errore». Il primo cittadino ha ribadito come ancora non abbia ricevuto alcuna comunicazione ufficiale e, inoltre, che gli ultimi confronti sul tema con Diego Della Valle siano stati improntati sull’idea iniziale di una capienza di 40.000.

ATTESA UFFICIALE – Senza esposizioni pubbliche, è difficile prendere posizione per il Comune. «È una novità anche per me», ha spiegato Nardella: «Sotto i 35.000 non sarebbe un segnale positivo». Le riflessioni sono legate alla media spettatori (nella scorsa stagione, 26.092 e load factor del 60%) e includono in minima parte la questione europea, dato che la Fiorentina non avrebbe problemi a ospitare partite internazionali in caso di partecipazione alle coppe. È possibile che una rivisitazione finale di questo aspetto possa minare la fattibilità dell’interesse pubblico. Tutti ragionamenti rinviati al contatto ufficiale tra il Comune e i DDV con i loro emissari, in particolar modo la dott.ssa Maffioletti, responsabile del progetto. Resta però la diversità di vedute tra l’amministrazione e l’ACF, al momento.

RIDUZIONE – L’idea trapelata dalla Fiorentina è una riduzione in chiave d’investimento: il costo dell’opera si abbasserebbe di 30 milioni di euro, passando da 140 a circa 110 (il progetto complessivo si aggira sui 500). Il nuovo stadio permetterebbe di aumentare i ricavi della società di 15 milioni annui ed entro maggio sarà presentato il progetto esecutivo. Prendendo atto delle tempistiche relative allo spostamento della Mercafir, la costruzione non potrebbe iniziare prima del 2023. Nella scorsa stagione, il muro dei 40.000 è stato sfondato per l’ultima volta nella gara contro la Juventus: 42.872 spettatori, tra 21.219 abbonati e 19.653 paganti, per un totale di 1.238.604 milioni d’incasso. Dunque, ci s’interroga sulla realistica utilità nel diminuire la capienza, che comunque resterebbe estendibile. Un impianto moderno, coperto e soddisfacente alzerebbe la media del pubblico attuale del ‘Franchi’?

LA POSIZIONE DI BETTARINI – «Apprendo questa notizia come una cosa positiva – ha commentato l’Assessore all’Urbanistica del Comune di Firenze, Giovanni Bettarini – perché evidentemente si sta arrivando a una definizione del progetto, che noi attendiamo da tempo». Una chiave di lettura organica quella richiesta dall’Assessore: «Non ci sono dei parametri di carattere urbanistico che stabiliscano una corrispondenza tra la capienza dello stadio con le superfici urbanistiche degli spazi commerciali e ricettivi. C’è invece un altro aspetto, ossia la proporzionalità tra l’investimento della parte d’interesse pubblico – la struttura sportiva e lo stadio – e la parte che serve al privato per sostenere l’investimento d’interesse pubblico, perciò è evidente che in qualche modo le due parti stanno insieme nell’organicità del progetto».

Giacomo Brunetti
@gia_brunetti
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 354677
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: Il progetto del nuovo stadio
« Reply #249 on: 02/19/19, 22:00 »
“Stadio, novella dello stento. Copriamo il Franchi, sennò che ne facciamo?”

Le parole di Paolo Marchesci sulla vicenda legata al nuovo stadio della Fiorentina

Il consigliere regionale e candidato sindaco di Firenze per Fratelli d’Italia, Paolo Marcheschi, ha parlato ai microfoni di Radio Bruno Toscana della vicenda legata al nuovo stadio della Fiorentina:

    Al di là della politica, Firenze e i fiorentini sono inscindibili. Questa novella dello stento, illuderci, non fa bene a nessuno: alla società, al Comune, ai tifosi. Io nel mio programma vorrei un confronto con la società, altrimenti copriamo il Franchi, troviamo le risorse, se dobbiamo rimpicciolire l’altro. A quel punto lo stadio lo abbiamo già, copriamo quello, se deve essere una scelta secondaria. Si parla dello stadio nuovo, e dello stadio vecchio cosa ne facciamo?

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 354677
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: Il progetto del nuovo stadio
« Reply #250 on: 02/21/19, 01:02 »
Nardella: “Cognigni mi ha rassicurato, non sarà costruito lo stadio di Topolino”

Nuovo aggiornamento sulla questione nuovo stadio della Fiorentina dopo i malumori dei giorni scorsi. Il sindaco di Firenze Dario Nardella, intervenuto a Italia7, ha dichiarato:

    Lo stadio nuovo non può essere troppo piccolo, non può essere lo stadio di Topolino. Proprio oggi ho avuto una telefonata con Cognigni e ci siamo chiariti sulla grandezza del nuovo stadio e sul fatto che il nuovo stadio certamente dovrà essere all’altezza delle esigenze dei tifosi e dei progetti della Fiorentina, non solo per il campionato ma anche per la Champions. Ho avuto rassicurazioni da Cognigni che qualunque decisione la prenderemo insieme e che lo stadio avrà il numero di posti adeguato secondo quello che noi ci attendevamo.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 354677
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: Il progetto del nuovo stadio
« Reply #251 on: 02/21/19, 15:36 »
Il contatto Comune-Fiorentina e una postilla sulla possibile capienza

Cognigni ha telefonato a Nardella, proviamo a fare chiarezza sui posti del nuovo stadio della Fiorentina

La crescente questione legata al nuovo stadio della Fiorentina e alla possibile riduzione della capienza rispetto al progetto originario ha portato al primo contatto tra la società gigliata e l’amministrazione comunale. Dopo le indiscrezioni fatte trapelare da Viale Fanti, cinque giorni dopo il Sindaco di Firenze Dario Nardella ha ricevuto la telefonata del Presidente Esecutivo Mario Cognigni, nella quale è stata fatta chiarezza su una vicenda accolta sfavorevolmente dal primo cittadino.

PACE FATTA – «Lo stadio nuovo non può essere troppo piccolo, non può essere lo stadio di Topolino», ha dichiarato Nardella. Che, negli studi di Italia 7, ha raccontato del confronto con Cognigni: «Ci siamo chiariti sulla grandezza del nuovo stadio e sul fatto che dovrà essere all’altezza delle esigenze dei tifosi e dei progetti della Fiorentina, non solo per il campionato, ma anche per la Champions League». Dunque, l’ambizione è rinnovata: «Ho avuto rassicurazioni da lui che qualunque decisione la prenderemo insieme e che l’impianto avrà il numero di posti adeguato a quello che tutti noi ci aspettiamo».

LA POSTILLA – E se la querelle tra le parti sembra essersi placata, è necessario fare una doverosa precisazione. Nei concetti espressi dalla Fiorentina, l’intenzione di ridurre la capienza – tra i 33 e i 35.000 posti – è accompagnata dal desiderio di renderla estendibile, dunque questa potrebbe aumentare in base alle esigenze, come previsto anche in altri progetti 2.0, come quelli di Roma, Bologna, Cagliari e Venezia. Un modello di costruzione non previsto da tutti. La Juventus, ad esempio, che annovera un load factor del 97%, non potrà aumentare la tenuta dell’Allianz Stadium: «L’espansione dell’impianto attuale non è possibile: se sarà, sarà un altro stadio», spiegò Agnelli.

LENTE D’INGRANDIMENTO – Quindi la domanda è: come si estende la capienza di uno stadio? Prendiamo spunto dai tre progetti posti al vaglio del Cagliari lo scorso marzo. Nel primo, progettato da J+S con One Works, è stata inserita l’idea del ‘catino’ flessibile e una facciata esterna adattiva, mentre in quello proposto dall’arch. Gino Zavanella – colui che ha curato lo stadio della Juventus – una struttura metallica predisposta sul solaio dell’ultimo livello in corrispondenza delle Curve e dei Distinti permetterebbe di passare da 24.000 a 30.000 posti. Nel terzo caso, curato dalla Sportium (soluzione scelta poi in agosto), la revisione include la possibilità di estendere a 30.000 il numero di posti disponibili qualora l’Italia dovesse ospitare gli Europei del 2028 e Cagliari fosse designata tra le sedi. Inoltre, tra i criteri adottati anche all’estero, esiste la creazione di “zone cuscinetto” per ampliare i posti a sedere.

Giacomo Brunetti
@gia_brunetti
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 354677
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: Il progetto del nuovo stadio
« Reply #252 on: 02/27/19, 23:47 »
Stella (vicepres. consiglio regionale): “Nuovo stadio essenziale, non bastano i diritti tv”

l vicepresidente del Consiglio regionale toscano, Marco Stella, ha parlato anche del nuovo stadio a margine di un evento tenutosi stamattina. Queste le sue dichiarazioni a Italpress: “Il grande augurio è che finalmente anche la Fiorentina abbia un nuovo stadio, diventa elemento essenziale per lo sport italiano. Il nostro calcio non può basare i suoi introiti soltanto sui diritti televisivi.

Abbiamo l’esempio della Juventus, una società che, pur prendendo molto dai diritti televisivi, vive anche degli introiti che arrivano dagli incassi di uno stadio sempre pieno, dal merchandising e da quello che vive intorno allo stadio. Per questo mi auguro che la nuova casa della Fiorentina venga realizzata quanto prima”.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 354677
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: Il progetto del nuovo stadio
« Reply #253 on: 03/23/19, 00:30 »
Nardella, rassicurazioni sul nuovo stadio: “Entro fine maggio il progetto definitivo”

Intervistato da Tele Iride, ecco alcune anticipazioni delle parole del sindaco di Firenze Dario Nardella: “C’è una grandissima mortificazione da parte dei tifosi della Fiorentina nei confronti di Daniele Atzori. Come sindaco esprimo al Cagliari e alla famiglia del tifoso sardo le mie più sentite condoglianze. Si tratta di una minoranza, è sbagliato considerare la tifoseria viola come tutta colpevole, ma certamente quegli individui meritano una punizione. E’ un fatto brutto soprattutto perché Davide Astori era molto legato a Cagliari: vedo una grande stonatura tra i cori per ricordare Davide e quelli che augurano la morte ad Atzori. Sono d’accordo che non serva un moralismo di facciata ma allo stesso tempo dobbiamo essere capaci di isolare quella minoranza e condannarla”.

Sul campionato della Fiorentina: “Credo ancora fortemente nell’Europa, non mi sento di trarre già le conclusioni di una stagione complicata. Non fa piacere vedere la Fiorentina a metà classifica ma non mi piace polemizzare della dirigenza viola”.

Sul nuovo stadio: “Sono concentrato su questa questione. In Italia le proprietà italiane sono sempre meno e bisogna dire che non è facile trovare una nuova proprietà italiana. Mi è stato assicurato dalla Fiorentina che entro la fine di maggio 2019 potremo presentare insieme il progetto definitivo e questo sarebbe un passo molto concreto. La città può trarre da questa opera delle opportunità di lavoro e una riqualificazione di un’area periferica”.

Sul futuro del Franchi: “Non può essere buttato giù. Bisogna però avere chiaro quale sarà la nuova vita dello stadio Franchi. Potrebbero esserci concerti estivi, il rugby o l’atletica. Entro il 2023, potremo terminare tutte queste operazioni”.

Pioli? “Ho visto Stefano prima della gara di Cagliari e mi è sembrato tranquillo e determinato. Io stimo molto il mister viola e le valutazioni le possono fare solo la dirigenza. Da tifoso abbiamo un attacco sulla carta molto forte. Dobbiamo rinforzare il centrocampo, ma sono ottimista”. Il 31 arriva il Torino: “Sarò sicuramente allo stadio e dalle 18 in poi festeggeremo i 50 anni di Gabriel Omar Batistuta in piazza Signoria. Ci aspettiamo tanta gente”.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 354677
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: Il progetto del nuovo stadio
« Reply #254 on: 04/03/19, 20:47 »
Aeroporto Firenze, il Tar decide. E lo stadio?

Un altro intralcio per la costruzione del nuovo stadio di Firenze. C’è attesa per il pronunciamento del Tar della Toscana

I giudici del Tar della Toscana si sono riservati di decidere (si pronunceranno più avanti, ndr) sui ricorsi contro il progetto potenziamento dell’aeroporto di Firenze. I ricorsi, presentati dai comitati e dai Comuni della Piana (Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Prato, oltre a Carmignano, Poggio a Caiano e Calenzano che hanno presentato un ricorso congiunto), che vertono sulla Valutazione d’impatto ambientale (VIA, ndr) del masterplan di potenziamento, sono stati discussi per quasi tre ore nel corso dell’udienza di oggi al Tribunale amministrativo. (ANSA)

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 354677
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: Il progetto del nuovo stadio
« Reply #255 on: 04/07/19, 03:10 »
Il capogruppo FRS in Consiglio comunale: “Nuovo stadio ennesima presa in giro”

A seguire vi riportiamo l’intervista rilasciata da Tommaso Grassi, capogruppo in Consiglio comunale di Firenze Riparte a Sinistra, a ilsitodifirenze.it. Si parla di nuovo stadio: “Tanta carta per pochi risultati e pochi passi in avanti rispetto al passato dove non si parla di come si vogliono realizzare le opere di viabilità, né quelle che sono le compensazioni, né soprattutto le aree commerciali e l’albergo che fanno parte della ‘cittadella’ e sono anche la parte più problematica rispetto alla realizzazione del semplice stadio, che invece la Fiorentina, per quel fantomatico equilibrio economico-finanziario, vorrebbe realizzare. Di tutto questo, del piano economico finanziario e del cronoprogramma non c’è traccia. C’è solo tanta documentazione dello stato attuale della zona di Novoli (area Mercafir, ndr) e alcune foto di come sono le condizioni attuali: una richiesta di accesso agli atti che è quasi un buco nell’acqua. Il giudizio politico è che è l’ennesima presa in giro, si rinvia ulteriormente e peraltro l’Amministrazione comunale aveva detto ‘il 31 dicembre ci presentate tutta la documentazione’. Se questo termine fosse stato rispettato oggi saremmo a discutere di come realizzare lo stadio e della delibera in Consiglio comunale per la variante urbanistica.

Invece di cosa si continua a discutere? Sostanzialmente della Fiorentina che chiede altri mesi e di maggio come data ultima individuata anche dal sindaco, però non c’è nessuna delibera, nessun atto dell’Amministrazione che proroghi ulteriormente il tempo dato a Fiorentina. Mi sembra che in questo braccio di ferro continua ad esserci qualcuno che per motivi politici e di campagna elettorale continua a illudere rispetto alla possibilità di vedere la realizzazione dello stadio. Poi forse qualcuno ci darà oggi di cassandre e forse di gufi tra qualche settimana… Noi continuiamo a ribadire che finché non vediamo il piano economico finanziario riteniamo che la grande struttura commerciale (77.000 mq di cui 50.000 mq di superfici di vendita, ndr) e l’albergo (10.000 mq, ndr) non hanno nulla a che vedere né con i tifosi, né con la scelta di spostare lo stadio da Campo di Marte all’area di Novoli. Ancora aspettiamo il progetto sulla Mercafir (il nuovo centro alimentare che dovrebbe essere trasferito a Castello andando a liberare l’area di intervento per lo stadio e di cui è stato presentato alla stampa uno studio preliminare il 5 dicembre scorso, ndr), e anche su questo, dal nostro punto di vista, siamo ancora indietro. Continuiamo a ripetere che vogliamo vederci chiaro ma dopo 5 anni vediamo molto buio: molte carte e varianti urbanistiche, però quando si deve passare dai documenti al concreto sembra ancora di essere ancora molto indietro”.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

 

With Quick-Reply you can write a post when viewing a topic without loading a new page. You can still use bulletin board code and smileys as you would in a normal post.

Name: Email:
Anti-spam: complete the task