Author Topic: JUVENTUS FC - ACF FIORENTINA 3:2  (Read 2554 times)

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 387165
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: JUVENTUS FC - ACF FIORENTINA 3:2
« Reply #64 on: 04/30/15, 23:42 »
Ma il carattere che voleva vedere Montella c’è stato

L’incipit dell’articolo di Benedetto Ferrara su Repubblica. La versione integrale all’interno del quotidiano in edicola:

Ma da questa partita tutti volevamo soprattutto una cosa: la prestazione. Certo, anche il risultato conta, perché adesso l’Europa diventa una battaglia, visto che nelle ultime settimane la Fiorentina è riuscita a complicarsi clamorosamente la vita, passando da sogni Champions alla bagarre per uno strapuntino vista Europa League. Ma dopo le due sconfitte consecutive in campionato con Verona e Cagliari e con una lussuosa semifinale a pochi passi, diventa importante capire come sta questa squadra, cosa gli è rimasto dentro.

Che poi, come spesso accade da queste parti, è iniziato subito a circolare anche un bel po’ di veleno, con Montella che da eroe diventa, per qualcuno, una specie di dilettante allo sbaraglio. Le solite storie di casa nostra: piccole, stonate e, soprattutto, poco utili alla causa. Come la storia del ritiro: in ritiro ci vai se fai la bella vita, se non segui più l’allenatore, se non ti alleni come dovresti. E non è questo il problema di questa squadra, che pure qualche problema ce l’ha. Ma non la mancanza di impegno. E la partita di Torino lo spiega bene (…).
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 387165
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: JUVENTUS FC - ACF FIORENTINA 3:2
« Reply #65 on: 04/30/15, 23:44 »
Mezzo pieno o mezzo vuoto, basta che il bicchiere non sia rotto

Risveglio amaro, il quarto consecutivo in campionato, per chi chi ha il cuore tinto di viola. La Fiorentina si è fermata sul campo della Juventus, in una gara dove a lunghi tratti se l’è giocata alla pari ma non ha saputo capitalizzare le occasioni avute, a cominciare dal secondo rigore di Gonzalo. Resta il rammarico di un risultato estremamente bugiardo ma anche il monito che i gol subiti stanno diventando troppi e molto spesso evitabili. Nel mese di aprile la Fiorentina ha subito tre gol addirittura in quattro occasioni: contro la Juventus due volte, Napoli, Cagliari. E proprio nell’ultima gara almeno due reti sono state concesse per marcature eccessivamente blande e per disattenzione del reparto difensivo in fase di ripiego. Aspetti non secondari, specie quando si gioca in casa della più forte.

Al netto di queste sbavature Montella si è dichiarato soddisfatto della prestazione dei suoi ragazzi. La Fiorentina ieri sera ha trovato il vantaggio su rigore, sfatando il tabù in campionato dopo 4 errori su 4, ed ha cercato di essere pericolosa. Dopo alcune gare ingabbiato dagli avversari anche Salah si è rimesso in moto ed ha cercato di accelerare palla al piede per segnare. In un paio di occasioni almeno è emerso un feeling non propriamente perfetto con Gomez che ha coperto il raggio di azione al compagno piuttosto che allargarsi per aprirgli varchi preziosi.

Alla fine dei giochi nessuno renderà i punti persi per strada alla Fiorentina però le indicazioni che arrivano da ieri fanno capire che la squadra è viva e che ha cercato di imporsi anche allo Juventus Stadium. C’è stata una reazione che si mescola all’amarezza per non aver vinto. Adesso il calendario del campionato è tutto in discesa, sta al cinismo e alla fame del gruppo trasformare questa possibilità e non ripetere gli errori commessi contro il Verona ma soprattutto il Cagliari. In mezzo ci saranno anche le semifinali di Europa League per continuare a coltivare un sogno. Inizia in questa cornice l’ultimo mese della stagione e il proverbiale bicchiere lo si può vedere mezzo pieno o mezzo vuoto. Ciò che conta è che adesso non sia rotto, come l’armonia dello spogliatoio e dell’ambiente viola.

STEFANO ROSSI
Twitter @StefanoRossi_
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 387165
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: JUVENTUS FC - ACF FIORENTINA 3:2
« Reply #66 on: 04/30/15, 23:52 »
L’angolo del Riga: “Adesso Gomez non aiuta la squadra”

Consueto appuntamento con “L’angolo del Riga”, rubrica per analizzare le partite di campionato della Fiorentina. Ecco le dichiarazioni di Christian Riganò, ex attaccante della Fiorentina e opinionista di Violanews.com:

“Quattro sconfitte consecutive in campionato sono tante, ieri la Fiorentina ha provato a giocare ma ha dovuto fare i conti con molti errori difensivi. Banti si è sentito in colpa dopo il primo rigore (sacrosanto) fischiato alla squadra di Montella perciò ha concesso alla Juventus quella punizione da cui è scaturito il pareggio ma ci sono state davvero troppe sbavature difensive su tutti e tre i gol bianconeri, le marcature sono state ballerine da parte di ogni elemento della linea difensiva viola. Ad essere sincero, non mi era piaciuto neanche il rigore messo a segno da Gonzalo, perché tirandolo così ha rischiato di sbagliarlo. Ieri in attacco mi è piaciuto solo Joaquin, Gomez non ha fatto bene ma neanche Salah ha combinato molto.

In questo finale di stagione vedremo se Mario Gomez riuscirà a sbloccarsi tornando a segnare con regolarità, in caso contrario, se ci saranno da prendere delle decisioni importanti, la società lo farà. Avevo detto che il tedesco, nonostante i pochi gol, aiutava comunque la squadra ma da qualche partita a questa parte è tornato quello di prima e non offre un contributo significativo. Questi quattro ko consecutivi ci hanno scombussolato la classifica, adesso ci aspettano cinque partite fondamentali in cui sarebbe auspicabile ottenere cinque vittorie per cercare di conquistare la qualificazione in Europa League. Se contro Cagliari e Verona la squadra avesse giocato con metà della voglia con cui ha giocato ieri, probabilmente sarebbero arrivate due vittorie.”


ALESSANDRO GUETTA
Twitter @AleGuetta93
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO