Author Topic: ACF FIORENTINA - CAGLIARI CALCIO 0:0  (Read 6283 times)

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 368556
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: ACF FIORENTINA - CAGLIARI CALCIO 0:0
« Reply #56 on: 05/14/12, 19:21 »
Sentite Gambaro: “Con Ranieri e Oriali viola in B”

L’ex difensore di Parma, Milan e Napoli Enzo Gambaro, con un breve trascorso anche alla Fiorentina nella prima parte della stagione 94/95 con Ranieri in panchina, commenta duramente il possibile ritorno del tecnico romano in riva all’Arno, accompagnato da Oriali. Così Gambaro all’emittente milanese Telenova: “Con Ranieri e Oriali il prossimo anno la Fiorentina vuole raggiungere l’obiettivo che non è riuscita a raggiungere quest’anno, cioè la serie B”.
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 368556
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: ACF FIORENTINA - CAGLIARI CALCIO 0:0
« Reply #57 on: 05/14/12, 19:24 »
’Alfabeto viola: dalla A di Andrea alla Z di Zeman

Fine stagione è tempo di bilanci, di pagelloni e di rewind. Anche se questa annata non sarà certo ricordata per i fasti e le vittorie della nostra Fiorentina, facciamo un goliardico alfabeto viola. Dalla A di Andrea alla Z di Zeman…

A di Andrea Della Valle, o di Assente, perché nella prima parte di stagione il presidente si è visto troppo poco. Forse neanche lui, come noi, riusciva a sopportare più di un tempo la vista della sua squadra. Chissà come gli girano per i soldi spesi male…

B come la serie cadetta, lo spettro che ci ha accompagnato da metà stagione alla partita di Lecce. C’era già qualcuno che pensava a come organizzare la trasferta di Gubbio, problematica in caso di neve.

C come Corvino, che lascia dopo 7 anni di lavoro. Un po’ come i matrimoni, non supera la crisi del settimo anno e la Fiorentina sceglie la separazione. Nelle ultime due campagne acquisti (o forse 3) ha toppato alla grande.

D come Delio, un uomo acclamato dal popolo viola che ha terminato la sua avventura a Firenze in un modo non proprio elegante. Forse prossimo allenatore di Leonard Bundu, noto pugile fiorentino.

E come Emozioni, quelle che son mancate tutto l’anno. Nessuna traccia di sentimentalismo tra le mura del Franchi, forse le uniche emozioni sono state quelle al gol di Amauri a Milano e Lazzari all’Olimpico di Roma. 2 su 38 partite, non male.

F di Fiesole intesa come curva, in questa stagione spesso vuota. Per incitare questa squadra ci vuol coraggio, e poi, quando il pubblico c’era e si è fatto sentire abbiamo perso 0-5…

G come Gioco, questo sconosciuto. Da queste parti non si è mai visto, può darsi sia in coda tra Barberino e Scandicci.

H come Hamburger, mmmm!! Buono con le patate fritte! Lo pensano anche i giocatori, che spesso lo apprezzano nelle giornate infrasettimanali e lo subiscono durante le partite.

I come Indecenza. Ripensando alle partite contro Juve, Chievo, Lazio e Novara in casa, è questo il termine più adatto. Il digestivo Brioschi ha fatto affari…

L di Ljajic, giocatore dal labiale incomprensibile. Nonostante gli studi approfonditi ancora nessuno ha ben capito cosa abbia realmente detto a Rossi. Pare che la frase sia stata: “Mi hai finito tu la Nutella, brutto s*****o?”

M di Mihajlovic, neo ct della nazionale serba, lascia la Fiorentina dopo 2 anni deludenti e un rapporto non proprio eccezionale con il tifo. La porta del campo d’allenamento di Cortina vibra ancora per il palo preso su punizione.

N di Nastasic, forse l’acquisto più azzeccato degli ultimi due anni. Un ragazzo dal quale ripartire, una certezza per il futuro, in coppia con Camporese.

O come Otel noto locale dell’hinterland fiorentino, chiusura alle 6 di mattina. E che discotecari siamo se non facciamo chiusura?!

P come Pendolare, quello che Kharja ha fatto nella prima parte della stagione per raggiungere la famiglia a Milano. Almeno in maglia viola non sembra aver mai preso il treno giusto.

Q come Quaquaraquà, chi parla a vanvera, definizione che si accosta bene a molti dei nostri ragazzi. Giustificano, promettono e non mantengono. Ci vuole più sincerità.

R di Riccardo Montolivo che ci lascia dopo 5 anni di alti e bassi. Anche i più sordi avevano capito che sarebbe andato al Milan. Adesso come la mettiamo con Nocerino?

S di Spendere, bisogna spendere per vincere, per vincere!

T di Teotino che come responsabile della comunicazione esordisce comunicandoci che Antognoni avrebbe passato il tempo facendo “sgarbi alla proprietà viola”. Apriti cielo: ovvero come inimicarsi la tifoseria in una frase.

U come Uomini veri, quelli di cui abbiamo bisogno per ripartire. Non chiediamo certo dei giocatori eroi da film hollywoodiano, ma neanche comparse da recita scolastica.

V di Viola, il colore che ci unisce e che ci fa incavolare contro chi non lo rispetta. Ps= la maglia gialla porta un po’ male… possiamo rivalutarla?

Z come Zeman l’allenatore che la maggioranza dei tifosi vorrebbe e che probabilmente non verrà. Ci accomuna il senso di anti-juventinità: “Gli scudetti della Juve? Saranno al massimo 23″.
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 368556
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: ACF FIORENTINA - CAGLIARI CALCIO 0:0
« Reply #58 on: 05/14/12, 19:29 »
Questa sera in onda 30° minuto

Questa sera come sempre alle 21.15 andrà in onda 30° minuto, la fortunata trasmissione curata da Simone Pagnini. Ospiti in studio Niccolò Ceccarini, Giovanni Ciappelli, Carlo Carotenuto e un misterioso tesserato della Fiorentina. 30° minuto vi aspetta su Toscana Tv
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 368556
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: ACF FIORENTINA - CAGLIARI CALCIO 0:0
« Reply #59 on: 05/14/12, 19:30 »
Galatasaray, scudetto a tinte viola. E Melo balla (VIDEO)

Lo scudetto del campionato turco ha un che di colore viola visto che tra i protagonisti nel Galatasaray ci sono tre ex Fiorentina come mister Fatih Terim, il difensore Thomas Ujfalusi e il centrocampista Felipe Melo (ancora di proprietà della Juve che lo pagò 25 milioni ai viola). Proprio il centrocampista brasiliano si è ‘distinto’ nelle celebrazioni del titolo esibendosi nel balletto di “Ai se eu te pego”:

http://www.violanews.com/altre-news/galatasaray-melo-balla-per-lo-scudetto-a-tinte-viola-video/
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 368556
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: ACF FIORENTINA - CAGLIARI CALCIO 0:0
« Reply #60 on: 05/15/12, 00:33 »
Dopo il no di Sartori arriva quello di Oriali

Un’altra pista sfumata. La Fiorentina perde un altro candidato al ruolo di direttore sportivo. Questa volta, il no è firmato Lele Oriali. L’ex dirigente dell’Inter ha valutato prendendo tempo l’offerta della famiglia Della Valle, riflessioni che hanno portato al rifiuto della proposta viola. Dopo il ds del Chievo Sartori, anche Oriali quindi declina l’offerta per la scrivania della Fiorentina. E ora, per i Della Valle la caccia continua… (gianlucadimarzio.com)

David Guetta invece è ancora possibilista sull’arrivo dell’ex mediano viola. Prima a Radio Blu e poi nel suo blog smentisce l’indiscrezione di Di Marzio.
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 368556
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: ACF FIORENTINA - CAGLIARI CALCIO 0:0
« Reply #61 on: 05/15/12, 00:35 »
Kharja: “Ho reagito a degli insulti razzisti”

Una stagione tormentata, ai limiti del sopportabile. Houssine Kharja è stato spesso bersagliato dai tifosi della Fiorentina. La preda preferita. Ma il marocchino non ci sta e sceglie TuttoMercatoWeb per raccontare le sue verità. Perché Kharja non è stato il male di una Fiorentina che ha vissuto una stagione tutt’altro che esaltante. Anche se ci ha messo del suo, per esempio domenica, quando s’è sfogato contro un tifoso.
E non tutta la tifoseria, vero Kharja?
“Sì, esatto. Voglio chiarire. La replica era rivolta ad un solo tifoso. Da quando sono arrivato a Firenze ho preso degli insulti ai limiti del razzismo. Perché quando uno ti dice ‘vai a spacciare droga in Marocco’ oppure ‘vai a vendere il Kebab’, è chiaro che ti dà fastidio. Sono anch’io un essere umano. Mi possono dire che sono un imbecille, un bidone, ma non insultarmi in modo razzista. Domenica magari ho sbagliato, però il mio gesto era per un solo tifoso, a cui ho detto che non aveva gli attributi perché mi ha insultato con tutta la gente attorno a lui. Durante la partita ho preso degli insulti bruttissimi. Se ti insultano la madre, ti ricoprono di offese, è normale che puoi anche non contenerti. Poi era anche uscito un coro, che diceva ‘hanno visto Kharja con il kekab in mano a Milano’, questo è razzismo non ironia fiorentina”.

Firenze è razzista?
“No, non tutta Firenze. Sia chiaro, non voglio dire che la città è razzista. Però gli insulti che ho ricevuto mi hanno dato fastidio”.

Difficile pensare che il suo futuro sarà ancora viola.
“Vedremo con il mio procuratore. Dal primo giorno che sono arrivato a Firenze avevano già fatto dei cori contro di me. Incredibile. Hanno buttato tanta melma addosso a me e messo in mezzo la storia dei treni. Poi però se andiamo a vedere le partite che ho giocato da titolare, ci accorgiamo che non sono io il responsabile della stagione della Fiorentina.
A Firenze sono passati tanti campioni, ma ci sono stati anche degli anni peggiori del nostro. Quest’anno ci siamo salvati nonostante la situazione difficile. Non temo il fattore ambientale, so di non essere un idolo di Firenze, rimarrei anche. Non è certo un problema…”.

A proposito dei treni, perché viaggiava così spesso?
“Si sapeva da inizio stagione. La mia famiglia abita a Milano, andavo a trovare i miei figli, sono un padre di famiglia e devo accontentare anche i miei cari. Magari ho sbagliato, perché dovevo stare a Firenze, ma i viaggi non mi stancavano. Era solo un pretesto tirato fuori per nascondere altri problemi. Parlavano dei miei treni, ma io non giocavo. La squadra perdeva e tutti parlavano dei miei viaggi. E’ una cosa che hanno montato i giornalisti locali…”.

Quest’anno ha piovuto sul bagnato. Non solo la classifica da dimenticare, anche Delio Rossi che ha attaccato fisicamente Ljajic…
“Con Rossi avevo un buon rapporto, quando è andato via l’ho abbracciato perché mi sono trovato bene e ancora oggi gli dico grazie per averci dato una mano. Con Ljajic non doveva arrivare alle mani, ma ha sbagliato anche il ragazzo. Il mister è la persona più esperta e va rispettata, ma non sono in grado di parlare in maniera approfondita della vicenda. Hanno sbagliato entrambi. Però voglio fare un grande in bocca al lupo a Delio Rossi”.

E se nel suo futuro ci fosse il Qatar?
“Ci penserei. Lì ho tanti amici, perché no? La prenderei in considerazione, certo. Un’esperienza all’estero non mi dispiacerebbe”.
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 368556
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: ACF FIORENTINA - CAGLIARI CALCIO 0:0
« Reply #62 on: 05/15/12, 00:36 »
Nuovo Ds, si punta su Sogliano?

E’ caccia al direttore sportivo in casa Fiorentina dopo il rifiuto di Gabriele Oriali. Secondo le ultime indiscrezioni raccolte da Tuttomercatoweb.com, il club viola sta pensando anche a Sean Sogliano, ex dirigente di Palermo e Varese che non sarà nello staff dirigenziale del Genoa dopo la decisione del patron Preziosi di affidare il prossimo mercato a Pietro Lo Monaco.
Il club viola non è l’unico club sulle tracce di Sogliano: il dirigente di Alessandria è nel mirino di Siena e, soprattutto, Hellas Verona.
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 368556
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: ACF FIORENTINA - CAGLIARI CALCIO 0:0
« Reply #63 on: 05/15/12, 00:36 »
Pasqual: “Con la Juve toccato il fondo”

Manuel Pasqual ospite di 30minuto dice la sua sul campionato appena concluso “La partita con la Juve ci ha fatto crescere perché abbiamo capito di averla combinata grossa. Ho visto Andrea distrutto perché avevamo toccato il fondo, ma la voglia di riscattarci era tanta. Il fatto del capitano la Nostra volontà era di farlo fare a Riccardo ma poi la scelta l’ha fatta la società e io ci sono rimasto male ma quando la società mi ha detto che era per la scadenza a giugno ho capito. Voglio spezzare una lancia in favore di qualche compagno perché anche nelle precedenti Fiorentine c’erano giocatori che facevano tardi ma i risultati si sa cancellano tutto… Voglio ringraziare anche Natali e Marchionni che hanno tirato la carretta fino in fondo e ci hanno dato una bella mano per salvarci. Un leader nello spogliatoio? Ce ne sono diversi ma non voglio fare nomi, quando abbiamo giocato a Lecce abbiamo giocato la partita senza punte e con Behrami a mezzo servizio, non era semplice venire fuori da quella situazione ma ci siamo riusciti”.

Si parla del famoso episodio contro il Novara: “Il mister non era tranquillo, l’errore e stato fatto da entrambi, siamo personaggi pubblici e non dobbiamo dare il cattivo esempio. Certo che é stato brutto anche tutto quello che é stato ricamato dopo. É stato un momento di blackout e se vogliamo riportare i bambini allo stadio non si fa così. Da genitore avrei riportato mio bambino a casa. Zeman? Non l’ho mai avuto ma se lavorare tanto porta i risultati ben venga, ma… Poverini i due centrali. A livello tecnico Prandelli é fra i top anche se sono stato fuori con lui. Giocare in difesa a quattro o esterno a cinque cambia molto poi con Vargas gioca solo sulla fascia e crossa mentre Jorgensen o Fiore mi lasciavano lo spazio perché amavano andare al centro. In trasferta avevamo tutto da guadagnare, gli altri dovevano fare la partita e noi potevamo giocare di rimessa ma in casa dovendo fare la partita siamo andati in difficoltà come le altre squadre minori. Quando si gioca in casa sarebbe bene iniziare e andare presto n vantaggio e in passato era così certo che quello visto ieri non é stato bello, se tutti remiamo dalla stessa parte possiamo andare avanti altrimenti diventa difficile.
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO