Post reply

Name:
Email:
Subject:
Message icon:

Anti-spam: complete the task

shortcuts: hit alt+s to submit/post or alt+p to preview


Topic Summary

Posted by: Chiesa
« on: 12/14/18, 21:13 »

Galanti: si difende: “La presenza di extrasistole non è sintomo di una patologia”

Ieri il medico ha incontrato coloro che si occupano delle indagini

Il Corriere Fiorentino svela alcune delle dichiarazioni del professor Giorgio Galanti – uno dei due medici indagati per la scomparsa di Davide Astori – davanti al procuratore Giuseppe Creazzo e al pm Antonino Nastasi , che si occupa dell’inchiesta: “Quei certificati sono stati rilasciati in modo corretto, nel rispetto della scienza medica e dei protocolli dello sport agonistico. La presenza di extrasistole non è sintomo di una patologia”.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 12/13/18, 22:43 »

VIDEO VN – L’avvocato di Galanti: “Ha ribadito sua correttezza, voleva bene ad Astori”

Le parole di Sigfrido Feynes, legale di Giorgio Galanti, a margine dell’interrogatorio relativo alla morte di Astori

Dopo l’interrogatorio a cui si è sottoposto il professor Giorgio Galanti nell’ambito delle indagini relative alla morte di Davide Astori, il legale del medico fiorentino si è fermato ai microfoni dei cronisti e alla telecamera di Violanews.com. Ecco le parole dell’avvocato Sigfrido Feynes.


Simone Torricini
@TorriciniSimone
Posted by: Chiesa
« on: 12/13/18, 19:52 »

Il professor Galanti interrogato sulla morte di Astori: “Sono sereno”

Il racconto della mattinata di interrogatori per uno dei medici indagati sulla morte di Astori

Si registrano i primi sviluppi in merito all’indagine condotta nei confronti del Prof. Giorgio Galanti, ordinario di medicina dello sport a Careggi, che giovedì scorso aveva ricevuto l’avviso di garanzia dalla Procura di Firenze (LEGGI QUI) in seguito alle perizie eseguite sulla morte di Davide Astori.

Oggi alle 11:30 era prevista l’udienza di Galanti e del Prof. Francesco Stagno – il medico del Cagliari – ma i due si sono avvalsi della facoltà di non presentarsi.

Intorno alle 12:45 Galanti e il suo legale, Sigfrido Feynes, sono invece usciti dagli uffici del centro dove l’indagato ha sostenuto l’interrogatorio di garanzia. Un solo breve commento: «Sono sereno», ha detto.

Feynes si è invece trattenuto più a lungo commentando con queste parole: «Il Professore ha ribadito la correttezza del suo operato e l’osservazione di ogni necessaria regola medica. Spero che i pubblici ministeri rileggeranno le carte alla luce dei chiarimenti su una vicenda». Su Galanti: «È una persona che ha dedicato la vita alla medicina, allo sport, ai calciatori, e che voleva particolarmente bene a quelli della Fiorentina e ad Astori in particolare. […] Sente di aver adottato un comportamento diligente, prudente e perito».

Adesso i pubblici ministeri valuteranno se procedere nella loro azione o se chiudere formalmente le indagini con il deposito degli atti.

Simone Torricini
@TorriciniSimone
Posted by: Chiesa
« on: 12/13/18, 18:55 »

Indagine Astori, le parti in causa. E Galanti va in pensione, affidandosi a Fenyes

I due pubblici ministeri sono ossi duri, mentre Galanti si è affidato a un super difensore

I pubblici ministeri del caso Astori sono due avversari tosti per gli altrettanti medici coinvolti – Galanti e Stagno – visto che il fascicolo aperto dalla procura fiorentina è assegnato al sostituto procuratore Antonino Nastasi, nel cui curriculum spiccano le inchieste senesi sul Monte dei Paschi di Siena, ma anche al capo dell’ufficio Giuseppe Creazzo, uno che in Calabria ha guardato la mafia dritta negli occhi. Due attaccanti di razza, insomma, contro un campione della difesa: il professor Galanti, da pochi giorni non più direttore della medicina sportiva di Careggi perché pensionato, ha infatti nominato come legale Sigfrido Fenyes, vicepresidente dell’ordine degli avvocati fiorentini, lunghissima esperienza nel penale, più appassionato di pianoforte che di calcio. E c’è anche Francesco Stagno, il medico cagliaritano. Lo riporta La Nazione.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 12/13/18, 18:45 »

Astori, il giorno degli interrogatori. Gli indagati potrebbero disertare

I due medici indagati potrebbero non presentarsi alla Procura di Firenze

Un avviso è di «garanzia» proprio perché garantisce alla persona iscritta di poter accedere a tutto ciò che il suo status di indagato gli consente. Anche quello di tacere dinanzi ai pubblici ministeri. In queste ore che precedono la convocazione dei due medici, il fiorentino Giorgio Galanti ed il cagliaritano Francesco Stagno, accusati di omicidio colposo per la morte del calciatore Davide Astori, gli avvocati studiano la tattica da mettere in campo. Come racconta La Nazione, il confronto in realtà, potrebbe anche non avvenire. In questo momento i due indagati sanno parzialmente cosa dicono le carte in mano alla procura. Hanno il diritto di avvalersi della facoltà di non rispondere e addirittura anche di non rispondere all’«invito» recapitato dalla procura. Probabilmente conoscono gli accertamenti medici da loro eseguiti – quelli del dottor Stagno sono anche più datati: si parte dal 2013 – ma non sanno ancora completamente, ad esempio, cosa contengano le due perizie che di fatto costituiscono le basi che hanno portato alle imputazioni nei loro confronti. Insomma, questione di tattica. Anche mediatica.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 12/12/18, 23:22 »

Astori, tre visite nel mirino: gli esami mostravano le extrasistole

Gli esami mostravano le extrasistole, ignorate nell’idoneità sportiva

Il Corriere Fiorentino illustra alcuni dettagli sul decesso di Davide Astori e l’indagine inerente. Tre i referti medici finiti nel mirino: quello del 2014 a Cagliari, due a Firenze tra il 2016 e il 2017. Nei primi due casi, gli esami avevano evidenziato delle extrasistole ventricolari mentre nell’ultimo era presente anche un’extrasistolia a due morfologie. Per questo, i due medici sono indagati per omicidio colposo, per aver violato i protocolli cardiologici per il giudizio d’idoneità dello sport agonistico.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 12/12/18, 23:20 »

I due medici di Astori, i legali preparano la difesa: non è deceduto in campo

Giovedì 13 dicembre compariranno davanti alla Procura di Firenze

Rispondere o avvalersi della facoltà di non rispondere? Hanno queste due opzioni, i medici Giorgio Galanti dell’ospedale fiorentino di Careggi, e Francesco Stagno, direttore sanitario dell’Istituto di medicina sportiva di Cagliari, entrambi indagati per la morte del calciatore della Fiorentina Davide Astori. Nel mirino degli inquirenti ci sono le loro firme sulle idoneità sportive concesse al giocatore ma i difensori degli indagati stanno mettendo a punto anche la strategia difensiva. Tutto ruota intorno al nesso causale: Astori non morto in campo o immediatamente dopo una partita di calcio, ma in un momento di riposo. Anche se resta il fatto che certi campanelli d’allarme emersi nei test, non furono, secondo l’accusa, adeguatamente investigati.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 12/12/18, 00:51 »

Morte Astori, l’esperta: “In caso di extrasistole c’è un protocollo preciso”

Il parere della professoressa sulla morte di Davide Astori

La professoressa Maria Grazia Bongiorni, che si era occupata anche del caso di Pier Mario Morosini ha rilasciato un’intervista al Corriere Fiorentino sulla scomparsa di Astori:

    Prima di giudicare dovrei leggere il tracciato dell’elettrocardiogramma. Ma, in generale, quando parliamo di extrasistole ventricolari, parliamo di una cosa che può essere tutto o nulla. In tanti le abbiamo, spesso non sono significative. Ma se si presentano, io procedo con altre analisi di approfondimento, a partire dall’holter, come indicano le linee guida del Cocis. Senza un esame ulteriore, come medico non posso dare l’idoneità sportiva all’atleta.

Redazione VN