Post reply

Warning - while you were reading 6 new replies have been posted. You may wish to review your post.
Name:
Email:
Subject:
Message icon:

Anti-spam: complete the task

shortcuts: hit alt+s to submit/post or alt+p to preview


Topic Summary

Posted by: Chiesa
« on: 01/10/20, 15:57 »

Astori, la risposta della difesa: “La sua morte non era prevedibile”

Il prof Giorgio Galanti sarà giudicato con rito abbreviato

Quanto emerso dall’esame post mortem sul calciatore non era “sospettabile in vita” e “quanto tragicamente accaduto, stante l’assenza di sintomi, alterazioni elettrocardiografiche” aveva “il carattere dell’imprevedibilità e non prevenibilità“. Sono le conclusioni – scrive La Nazione – dei consulenti della difesa di Galanti, i prof Vittorio Fineschi, Massimo Volpe e Gianfranco Sinagra, rispettivamente ordinario di medicina legale, cardiologia alla Sapienza di Roma e cardiologia a Trieste. Una contro consulenza che definisce “scrupoloso” il lavoro di Galanti, e al tempo stesso smonta le conclusioni per l’accusa del professor Corrado dell’università di Padova.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 01/10/20, 15:56 »

Morte Astori, nuova perizia: altri luminari in campo

Il giudice nomina il cardiologo che ha operato Khedira e un medico legale: il loro parere sarà decisivo per il processo a Galanti

Ci sarà una nuova perizia, per la morte del capitano viola Davide Astori. Come scrive La Nazione, l’ha affidata il giudice Antonio Pezzuti, nell’ambito del processo a carico del professor Giorgio Galanti, ex direttore della medicina sportiva dell’ospedale di Careggi, accusato di omicidio colposo Toccherà al cardiologo torinese Fiorenzo Gaita e al medico legale, anch’egli piemontese, Gianluca Bruno, analizzare nuovamente carte e cartelle cliniche del calciatore della Fiorentina e della Nazionale. E dovranno stabilire se il male fino a quel momento oscuro – la cardiomiopatia aritmogena – che covava silenzioso nel cuore di Astori poteva essere scoperto dalle avvisaglie emerse nelle prove da sforzo effettuate nel luglio del 2017, come ipotizza l’accusa. O se invece, come ribatte la consulenza difensiva, da quegli esami non erano emersi campanelli d’allarme tali da evidenziare la necessità di ulteriori approfondimenti o da impedire il rilascio dell’ok all’abilitazione agonistica.

I due periti riceveranno formalmente l’incarico nella prossima udienza che si terrà il 17 febbraio. Processo che, su richiesta dell’imputato Galanti, si celebra con il rito abbreviato e che porterà quindi a una sentenza di primo grado nel giro di qualche mese. Quella che firmeranno Gaita (chirurgo che collabora con la Juventus e ha operato al cuore il calciatore bianconero Sami Khedira) e Bruno, sarà dunque la “madre di tutte le perizie”. Ieri in tribunale non c’era l’imputato Giorgio Galanti rappresentato invece dal suo legale, Sigfrido Fenyes. C’erano anche i legali delle parti civili: i genitori e i fratelli di Astori e Francesca Fioretti, compagna di DA13 e madre della loro bambina, Vittoria. C’era anche la Fiorentina, come parte lesa, con l’avvocato Antonio D’Avirro.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 01/09/20, 18:21 »

Morte Astori: prof Galanti sarà giudicato con rito abbreviato

Giorgio Galanti imputato di omicidio colposo. Il Gup dispone una nuova perizia dopo aver ricevuto consulenze delle parti

Sarà giudicato con processo in rito abbreviato il professor Giorgio Galanti, imputato di omicidio colposo per la morte del capitano della Fiorentina Davide Astori. Galanti, difeso dall’avvocato Sigfrido Fenyes, era direttore sanitario di Medicina dello sport dell’Azienda ospedaliero universitaria di Careggi (Firenze). Il gup Angelo Antonio Pezzuti ha deciso di disporre un’altra perizia, nominando lui stesso dei tecnici, dopo le consulenze di parte presentate dalla procura, dalla difesa di Galanti e dai familiari di Astori, i quali si sono costituiti parti civili. (Ansa)

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 11/16/19, 23:40 »

Rignano: da oggi sono ufficiali lo Stadio Davide Astori e Via Stefano Borgonovo

Partecipazione e commozione alla cerimonia che ha visto tra i protagonisti la moglie di Stefano, Chantal

Tifosi, cittadini e tanti appassionati presenti oggi a Rignano sull’Arno per la cerimonia di intitolazione dello Stadio Comunale a Davide Astori e della adiacente via a Stefano Borgonovo. “Ringrazio i tanti presenti – ha dichiarato il Sindaco, Daniele Lorenzini – che hanno deciso di partecipare a questa manifestazione in memoria e in onore di due grandi uomini.
Rivendico con orgoglio la scelta che abbiamo fatto: perché un’amministrazione comunale non avrebbe dovuto prendere esempio da persone importanti intitolando la via a Borgonovo e lo stadio principale ad Astori? Quest’ultimo, con la sua educazione, è stato un esempio per i giovani che iniziano a praticare un’attività sportiva. Allo stesso modo Stefano Borgonovo ha avuto la dignità di affrontare una malattia devastante e il coraggio di fare il giro di campo a Firenze con il respiratore per portare avanti il messaggio della necessità della ricerca sulla SLA. Noi siamo convinti e orgogliosi della nostra scelta.”

Protagoniste sono state le emozioni e le esperienze di Chantal Borgonovo e della famiglia Galdiolo, presente con la moglie Maria Rosa e il figlio Alessandro, condivise con il pubblico presente. Tra le istituzioni presenti, oltre alla Giunta e al Presidente del Consiglio di Rignano sull’Arno, ha portato il saluto Alessandro Consigli (consigliere delegato allo sport di Campi Bisenzio).
Il Presidente dell’USD Rignanese, Romano Bagnoschi, ha consegnato il gagliardetto della società locale ai vari rappresentanti che si sono raccolti, dapprima in via Roma, e poi, al Groove Restaurant, per il pranzo di beneficenza in favore di Stefano Borgonovo durante il quale sono state esposte le maglie di Astori e Borgonovo della collezione magliaviola.org di Claudio Massai assieme a quelle donate da Venuti e Pasqual per raccogliere fondi a favore della Fondazione Stefano Borgonovo Onlus. Numerosa e festosa anche la presenza di molti rappresentanti dei Viola Club, tra cui Giano Viola, Fantechi-Ciuffi e Valdichiana.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 10/23/19, 20:09 »

Morte Astori, la Fiorentina sarà “persona offesa”: gli aggiornamenti

Il processo al medico che firmò l’idoneità al Capitano

“Solidarietà e vicinanza alla famiglia Astori”. Questa la motivazione con cui la Fiorentina si costituisce persona offesa, e non parte civile, nel processo intentato al dottor Galanti per la morte di Davide Astori avvenuta il 4 marzo del 2018. Uno sciopero degli avvocati – troviamo sulle colonne de La Nazione  – ha fatto slittare l’udienza al 5 dicembre.

La scelta del rito, ipotizza il quotidiano, potrebbe ricadere sul giudizio abbreviato, ma la decisione non è presa: elemento, questo, che congela la presenza in aula del responsabile civile, l’azienda di Careggi.

L’articolo completo nel quotidiano in edicola.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 09/13/19, 18:37 »

Morte Astori, chiesta l’archiviazione per Stagno. Resta aperta una seconda inchiesta

Un estratto dell’articolo di Repubblica Firenze sul proseguimento delle indagini

La procura di Firenze ha chiesto l’archiviazione per il professor Francesco Stagno di Cagliari, medico indagato per omicidio colposo nelle indagini per la morte di Davide Astori. Nei mesi scorsi, dopo aver ricevuto l’avviso di conclusione indagini, Francesco Stagno è stato interrogato su sua richiesta dai titolari dell’inchiesta. Per la morte di Astori resta aperta una seconda inchiesta per falso materiale riguardo a un certificato medico di un esame a cui Astori non sarebbe stato sottoposto. Per questo sono indagati Giorgio Galanti, il suo successore alla direzione di medicina sportiva di Careggi, Pietro Amedeo Modesti, e il medico dello sport Loira Toncelli.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 07/15/19, 21:59 »

La dottoressa si difende: “nessun falso, i parametri risultavano nella norma”

Nella giornata odierna la dottoressa Toncelli è stata sentita per oltre due ore dal pm Nastasi

L’interrogatorio di Loira Toncelli, medico del centro di Medicina dello Sport di Careggi, indagata per falso materiale nell’inchiesta bis sulla morte di Davide Astori è durato due ore e mezzo.  Secondo quanto scritto da Repubblica, al pm titolare dell’inchiesta Antonino Nastasi, Toncelli ha detto di non aver redatto alcun referto medico falso ma solo di aver chiarito in una nota esplicativa il significato di due parametri cardiaci. Dati relativi alla curva di Strain, ricavabili da un ecocardiogramma cui il calciatore fu sottoposto nel luglio 2017. La dottoressa ha specificato di non aver mai visitato Davide Astori ma di essersi limitata a leggere un valore, ed a metterlo nero su bianco. La Toncelli  riferisce di aver reso intelligibile un valore già presente nelle carte e che peraltro dava un range di normalità, infatti aggiunge “i parametri risultavano nella norma sia per il ventricolo destro, sia per il ventricolo sinistro”.
 
Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 03/13/19, 17:43 »

L’omelia di don Massimiliano: “Adesso Davide ci guarda dal Paradiso”

Ieri messa toccante in San Lorenzo in memoria di Astori

Ieri pomeriggio alla basilica di San Lorenzo a Firenze si è tenuta la messa in ricordo di Davide Astori alla quale hanno partecipato anche i fratelli Della Valle. Su La Nazione troviamo le parole pronunciate da don Massimiliano durante l’omelia:

    Nel Vangelo di questa giornata, Gesù ci ha insegnato a pregare con il Padre Nostro. Ci ha indicato come l’essere uniti e insieme è tutto. Bene, Davide era l’esempio di questo ’essere uniti. Adesso ci guarda dal paradiso, ma sa benissimo di aver lasciato in tutti noi il suo segno. Il segno più bello: un sorriso, il suo sorriso, impresso sul cuore di ognuno di noi.

Queste altre parole dell’omelia riprese dal Corriere Fiorentino:

    Chi lo ha conosciuto ha sperimentato il suo dono di fraternità, ci ha lasciati questo sentimento del vivere insieme, sapeva condividere tutto con gli altri. Mi piace pensare che ci abbia donato un segno a forma di sorriso che resterà nel nostro cuore e non andrà mai via. Adesso non basta più il suo ricordo con le parole, dobbiamo tenerlo vivo con le nostre testimonianze di amore. C’è un frutto che deve germogliare.

Redazione VN