Post reply

Warning - while you were reading 7 new replies have been posted. You may wish to review your post.
Name:
Email:
Subject:
Message icon:

Anti-spam: complete the task

shortcuts: hit alt+s to submit/post or alt+p to preview


Topic Summary

Posted by: Chiesa
« on: 08/09/19, 23:34 »

Commisso ha deciso: niente restyling del Franchi, nuovo stadio accanto alla Mercafir

Secondo “La Nazione”, la Fiorentina avrebbe preso una decisione. L’ufficialità è attesa per settembre. E la Mercafir non trasloca

Novità importanti sul progetto stadio della Fiorentina riportate oggi da La Nazione. Abbandonata del tutto l’idea del restyling del Franchi, la Fiorentina si è indirizzata sull’opzione nuovo stadio a Novoli. I tempi della ristrutturazione sarebbero stati eccessivamente lunghi, perchè servirebbe una variante urbanistica per la realizzazione di attività commerciali, di parcheggi interrati e un riassetto dell’area di Campo di Marte. Fare lo stadio accanto alla Mercafir è la strada più breve per realizzare il nuovo impianto di proprietà, perché non è necessario che vengano approvate nuove varianti urbanistiche, resta valida quella varata nel novembre 2012. L’idea del patron Commisso – scrive Ilaria Ulivelli – è di contenere in circa 30mila metri quadri l’estensione dell’area commerciale compresa una quota di attività turistico ricettiva, ma senza “cittadella viola”. Nei restanti 16 ettari dell’area di Novoli rimarrebbe quindi la Mercafir, il cui spostamento sarebbe stato un’incognita da tempi ballerini.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 07/25/19, 00:32 »

Nardella: “Nuovo stadio, solo due ipotesi. Decisione entro settembre. Il Franchi…”

Parla il sindaco di Firenze

Dario Nardella, sindaco di Firenze, ha parlato al quotidiano La Nazione della questione nuovo stadio: “Tramontata per sempre l’idea di spostare la Mercafir, oramai sul tavolo restano due ipotesi: o a Novoli accanto alla Mercafir o a Campo di Marte rifacendo il Franchi. Entro settembre prenderemo la decisione definitiva insieme alla proprietà, che dovrà avere l’ultima parola. Franchi? Dobbiamo trovare un accordo con la Fiorentina perché li usi entrambi, magari con la squadra femminile e con il rugby”.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 07/19/19, 14:18 »

Nuovo stadio, l’indicazione di Commisso ed il piano B di Nardella: operazione fast

Si fa strada l’ipotesi di un ritorno alla variante approvata dalla giunta Renzi: Mercafir divisa in due e spazio sia per il nuovo stadio che per il mercato ortofrutticolo

Più piccolo, meno costoso ma soprattutto più veloce. Sul tavolo del confronto tra il sindaco Dario Nardella e il patron della Fiorentina Rocco Commisso per la scelta su cosa fare dello stadio (nuovo oppure la copertura e il restyling del Franchi) – si legge sul Corriere Fiorentino – si torna al passato. Al progetto e alla sistemazione urbanistica della Mercafir lanciata dalla giunta Renzi (assessore all’Urbanistica Titta Meucci) nel 2013 ed approvata l’anno dopo. «Siamo al 50-50 per cento», per la scelta tra le due ipotesi: restyling e copertura di Campo di Marte o Mercafir. Ma per l’opzione a nord ovest la scelta del progetto originario potrebbe semplificare il confronto con l’imprenditore italo-americano.

Sarebbe stato lo stesso Commisso, nei pochi faccia a faccia avuti, a spiegare al sindaco che il progetto dei Della Valle (comprendente tutta l’area Mercafir, 70.000 mq per gli spazi commerciali ed un costo totale di 300-400 mln) era “too big” per i suoi obiettivi. Il vecchio progetto – spiega il quotidiano – prevede la divisione dell’area in due parti (sono circa 50 ettari). La Mercafir avrebbe a disposizione a nord 15 ettari per riorganizzare i suoi spazi (ora sproporzionati). A sud, ecco stadio e spazi commerciali per 18 mila metri quadri, ricettivi o turistici per 4.200 metri quadri, direzionali per altri 8 mila metri quadri. Sui tempi nessuno si sbilancia, ma il fatto che la variante sia già stata approvata e che Lucibello, presidente Mercafir, abbia già dato la sua disponibilità a parlarne, potrebbero velocizzare l’operazione.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 07/19/19, 14:17 »

Uva: “Nuovo stadio moderno anche tra 20 anni. Incontro ACF-Comune entro il 10/08”. Sui tempi…

All’interno dell’edizione odierna de Il Corriere Fiorentino troviamo un’interessante intervista a Michele Uva sul tema nuovo stadio. Secondo il super consulente del Comune di Firenze in materia di impianti sportivi, “la sfida è quella di immaginare uno stadio che sia ancora moderno tra venti anni”. Annuncia il primo vertice tra Fiorentina e Comune entro il 10 agosto, poi spiega che una delle prime mosse sarà decidere “se dovrà essere uno stadio solo adibito al calcio oppure multifunzionale”. Uva non indica un modello ben preciso da seguire, “ma dipende da cosa si vorrà fare, alle risorse disponibili e soprattutto a ciò che serve a Firenze e alla Fiorentina”.

Ci sono però dei punti fissi dai quali non si può prescindere: “Uno stadio deve essere prima di tutto economicamente sostenibile. Non deve essere uno ‘stadio costo’ per la Fiorentina, ma uno ‘stadio ricavo’ che possa portare risorse economiche e avere riflessi positivi sugli investimenti sportivi”. Sì, perché anche con la drastica riduzione degli esercizi commerciali – spiega il vicepresidente della Uefa – “ci sono margini di redditività enormi che possono portare ad aumentare di molto i ricavi di un club”. Infine, sui tempi: “Per avere un impianto passano almeno 4 anni da quando è stato disegnato sulla carta”, conclude Uva.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 07/19/19, 14:14 »

Arch. Zavanella: “Stadio restituisca qualcosa alla città. Vi dico i costi calcolati su 30-40.000 posti”.

L’intervista all’architetto che ha partecipato alla realizzazione dello Juventus Stadium e progettista del restyling del Dall’Ara di Bologna

Sulle pagine de Il Corriere Fiorentino questa mattina troviamo un’intervista all’architetto Gino Zavanella, uno dei progettisti dello Juventus Stadium e del restyling Dall’Ara di Bologna, proprio sul tema ‘stadio’. L’architetto nel corso dell’intervista spiega come secondo lui lo stadio sia il più grande contenitore di una città e che è una struttura, un impianto che incide a livello architettonico, urbanistico e sociale. Per Zavanella uno stadio deve sempre restituire qualcosa alla città e deve funzionabile ed agibile sette giorni su sette.

L’architetto dichiara: “Mediamente si considera uno spazio di 0,8-1 metro quadro a spettatore. Quindi prendiamo un impianto da 40 mila spettatori come potrebbe essere il caso di Firenze, dobbiamo immaginarci quarantamila metri quadri dedicati ai servizi e alle esigenze della città”. E poi continua affermando che gli spazi vanno ricavati da ciò che sta sotto lo stadio. Se una struttura è basata su due piani, allora deve esserci lo stesso corrispettivo nel sottosuolo.

Per Zavanella lo stadio è una struttura, un concetto da pensare e sviluppare in verticale. Sui tempi di costruzione per l’architetto si potrebbe avere un’accelerata anche in Italia, un pò come sta avvenendo a Bologna dove non si vuole andare oltre ‘l’anno di lavori’.

E per i costi? “Diciamo che in Italia si va a una media di 3 mila euro per posto quindi per uno stadio da 40 mila spettatori servono circa 120 milioni, per uno da 30 mila si può stare sui 90 milioni”.

Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 07/19/19, 14:09 »

Stadio alla Mercafir ma su metà area. Nardella ci crede, Lucibello apre all’ipotesi

Si tornerebbe alla variante del 2012, accantonata dai Della Valle. L’alternativa è la ristrutturazione del Franchi

Su La Nazione si analizza la possibilità di far sorgere il nuovo stadio alla Mercafir, ma su metà area rispetto a quella messa a disposizione dei Della Valle. Due le possibilità: o si procede alla ristrutturazione del Franchi o si torna alla variante del 2012 che prevedeva l’ipotesi di dividere in due l’area Mercafir. A nord il mercato ortofrutticolo, mentre nell’area a sud sorgerebbe lo stadio. Il presidente della Mercafir, Giacomo Lucibello, apre all’ipotesi ed è pronto a parlarne e anche il sindaco Dario Nardella ha rimesso con decisione al centro la seconda ipotesi, accantonata dalla vecchia proprietà viola quanto si prospettò la necessità di spazi più ampi destinati alle attività commerciali.
 
Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 07/18/19, 18:30 »

Nardella racconta: “Stadio nuovo? C’è una nuova possibilità. Commisso vuole lasciare qualcosa alla città”

Dario Nardella sul nuovo stadio e sul rapporto con Commisso

Firenze-(Italpress-18 luglio 2019)-Per il nuovo stadio a Firenze “si è aperta la possibilità di tornare al progetto del 2014-2015, cioè evitare di dover occupare tutta l’area Mercafir e quindi evitare uno spostamento del mercato. Rocco Commisso mi ha detto una cosa:”Voglio lasciare una cosa importante alla città, non voglio usare lo stadio per fare business ma lo voglio fare per lasciare qualcosa a Firenze e ai fiorentini quindi ti chiedo solo di affrontare i progetti che convincono di piu’ sulla base dei tempi”. Io gli ho prospettato una possibilità piu’ veloce in cui si possa realizzare un nuovo stadio e qualche struttura collegata ma non particolarmente importante, ed i tempi sarebbero decisamente piu’ veloci”. Lo ha detto il sindaco Dario Nardella ospite ai microfoni di ‘Lady radio’ parlando della possibilità di costruire un nuovo stadio a Firenze. “Ho sentito piu’ volte Joe Barone e con lui abbiamo impostato un lavoro da fare anche nel corso dell’estate, quindi non ci fermeremo-ha aggiunto Dario Nardella-. I tecnici al seguito di Joe Barone sono in contatto con i miei tecnici del Comune, stiamo passando in rassegna tutte le varie opzioni che sono sul tavolo. Abbiamo esaminato i pro e i contro delle varie opzioni, abbiamo già cominciato a lavorare con Michele Uva che essendo vicepresidente Uefa ed essendo fra i protagonisti della legge sugli stadi è uno degli italiani che conosce meglio questo tema. A proposito del restyling del ‘Franchi’ abbiamo considerato il vantaggio da un lato di valorizzare lo stadio storico della città e dall’altro lo svantaggio di una complessità burocratica e tecnica gigantesca per mettere le mani sullo stadio facendo fra l’altro lavori molto limitati, molto costosi ed il problema di capire dove dovrebbe giocare la Fiorentina durante i lavori. Tutto poi sarebbe in mano alla Sovraintendenza, dunque l’autorità dello Stato. La conformazione dello stadio ‘Franchi’ che negli anni ’30 poteva avere un senso, oggi è assolutamente inaccettabile e scomoda perché hai le curve lontano dal campo e vedi i giocatori lontanissimi. La copertura del ‘Franchi’ non risolverebbe il problema della visuale”.
 
Redazione VN
Posted by: Chiesa
« on: 07/14/19, 14:16 »

Nardella sul nuovo stadio: “Entro l’estate imboccheremo la strada definitiva con Commisso”

Dario Nardella parla di Commisso e della stadio della Fiorentina

Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha concesso un’intervista a ilsitodifirenze.it. Ecco un estratto delle sue parole sula Fiorentina:

    Commisso, Joe Barone e tutto il suo staff sono molto affiatati e hanno un grande entusiasmo. Commisso fin da subito mi ha detto ‘ho più di 60 anni e voglio lasciare qualcosa di importante a questa città e non ho nemmeno molto tempo, perché come dire alla mia età non è che posso permettermi di aspettare. Mi è piaciuto molto questo senso di concretezza, pragmatismo e allo stesso tempo il desiderio di fare qualcosa e sono molto molto ottimista, credo che che entro l’estate imboccheremo la strada definitiva della soluzione per il nuovo stadio e lo faremo d’accordo con loro.
 
Redazione VN