Author Topic: SS LAZIO - ACF FIORENTINA 1:0  (Read 941 times)

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 347371
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: SS LAZIO - ACF FIORENTINA Domenica ore 15.00
« Reply #24 on: 10/06/18, 16:00 »
La Lazio è a pezzi, Fiorentina all’assalto

La Lazio ha subìto sette gol in meno di una settimana, la situazione, sulla carta, è favorevole alla Fiorentina

La Nazione si concentra su Lazio-Fiorentina. In altri momenti la squadra biancoceleste è stata più in forma. Domani i viola scopriranno quanto vale una formazione che in meno di una settimana ha subìto sette gol. In casa Lazio, più che fisico, il problema sembra mentale. Basta vedere i due espulsi contro l’Eintracht Francoforte: Basta e Correa. Insomma sui ragazzi di Inzaghi la pressione è tanta. L’occasione, dunque, è teoricamente favorevole alla Fiorentina che riemerge da una brutta partita incorniciata da una straordinaria vittoria contro l’Atalanta. Giocare male e vincere è un talento che indica qualità nascoste e preziose: tenacia, orgoglio, voglia di soffrire e – ovviamente – anche un po’ di fortuna. La Fiorentina è pronta a ripartire e il terzo posto ha aggiunto all’interno dello spogliatoio una quota di autostima che sarebbe davvero un peccato disperdere.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 347371
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: SS LAZIO - ACF FIORENTINA Domenica ore 15.00
« Reply #25 on: 10/06/18, 16:08 »
Verso la Lazio: la difesa non si tocca, ballottaggi a centrocampo e in attacco

Ecco come la Fiorentina dovrebbe scendere in campo contro la Lazio domani pomeriggio

La Nazione ipotizza la probabile formazione della Fiorentina per la gara contro la Lazio. Il quartetto di difesa composto da Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo e Biraghi sembra intoccabile in questa fase di campionato. I dubbi principali riguardano il centrocampo e l’attacco. Da un lato resta da sciogliere il ballottaggio tra Benassi e Edimilson (il primo ha recuperato dalla contusione alla caviglia, ma il secondo sembra in vantaggio), mentre sarà risolto soltanto al termine della rifinitura di questa mattina il serrato testa a testa tra Pjaca e Mirallas. Dopo la prova incolore di domenica, il croato sta molto meglio, ha segnato tre gol nell’amichevole di giovedì contro la Santegidese e si candida quindi a partire dal 1’ ma occhio al forte recupero del belga, tra i più incisivi sia a San Siro contro l’Inter, tanto da esterno quanto da prima punta, sia nel successo contro la formazione di Gasperini che ha fatto balzare la Fiorentina in zona-Champions.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 347371
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: SS LAZIO - ACF FIORENTINA Domenica ore 15.00
« Reply #26 on: 10/06/18, 16:14 »
Veretout: “Regista? Mi piace, ma devo imparare ancora tanto. Siamo terzi, ma non facciamo calcoli”

L’intervista rilasciata da Veretout a La Gazzetta dello Sport

La Lazio? L’anno scorso ho segnato tre gol alla squadra di Inzaghi e ho perso. Stavolta ne vorrei fare uno e vincere. Andiamo convinti di disputare un’ottima partita. E’ stata battuta in Europa League? E allora? Sono una grande squadra. Immobile la butta sempre dentro, Milinkovic è una forza della natura. Io dovrò stare attento a Luis Alberto che proverà a giocarmi alle spalle. Cercherò di averlo sempre davanti agli occhi. È abile nel servire assist.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 347371
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: SS LAZIO - ACF FIORENTINA Domenica ore 15.00
« Reply #27 on: 10/06/18, 16:16 »
Ferrara scrive: “Aspettando Pjaca, Mirallas preme. Ma l’anno scorso la sfida era Gil Dias-Thereau…”

L’approfondimento del giornalista de La Repubblica sul momento di forma del talento croato

Nelle pagine dell’edizione fiorentina di La Repubblica, troviamo un articolo firmato da Benedetto Ferrara riguardo alla condizione fisica di Marko Pjaca, il colpo di mercato dell’estate della Fiorentina, arrivato in viola in prestito dalla Juventus. Ve ne proponiamo un estratto:

Sulla carta il tridente Pjaca-Simeone-Chiesa è una suggestione di quelle che ti fanno immaginare chissà cosa. Ma il croato ancora deve entrare nel gioco e Pioli nel frattempo ha trovato in Mirallas una alternativa più che valida, per impegno, sacrificio e tasso tecnico. Non sarà facile scegliere tra i due, perché tenere fuori Pjaca può essere rischioso per il morale del giocatore. Diciamo che se giocherà titolare a Roma dovrà dimostrare che il Pjaca visto agli Europei del 2016 non era un abbaglio. C’è chi sostiene che è solo un problema di condizione, chi di carattere. Pioli ci crede e lo stimola, ma Mirallas preme. La sfida è aperta, e l’ allenatore può solo guardare i due che se la giocano col sorrisetto sulle labbra. Prima la sfida era Gil Dias Thereau. Basta questo per sorridere.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 347371
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: SS LAZIO - ACF FIORENTINA Domenica ore 15.00
« Reply #28 on: 10/06/18, 16:38 »
Lotito è furioso, il patto nella notte tra giocatori e staff della Lazio: battere la Fiorentina

I biancocelesti cercano il riscatto contro la Fiorentina dopo la batosta europea

Sul Corriere dello Sport di questa mattina si parla della situazione in casa Lazio e di un patto sancito dal gruppo dopo la pesante sconfitta in Germania per 4-1 contro l’Eintracht Francoforte in Europa League. Dopo l’ennesimo chiarimento squadra-staff-dirigenti è arrivata la promessa di sfoggiare una grande prestazione domani all’Olimpico contro la Fiorentina dell’ex biancoceleste Pioli, con l’obiettivo dichiarato di vincere. Intanto Lotito è furioso, ma la posizione di Simone Inzaghi sulla panchina rimane salda.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 347371
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: SS LAZIO - ACF FIORENTINA Domenica ore 15.00
« Reply #29 on: 10/06/18, 16:44 »
Ballottaggi a centrocampo, modulo ancora incerto: tutti i dubbi di Pioli verso l’Olimpico

Il tecnico della Fiorentina studia la soluzione migliore per affrontare la Lazio

Sul Corriere dello Sport-Stadio si parla della sfida di domani della Fiorentina contro la Lazio e dei ballottaggi in ballo per Stefano Pioli. Mirallas preme per prendersi una maglia da titolare al posto di Pjaca, in attesa di capire quale sarà il modulo, se 4-3-3 o 3-5-2. Per il resto, nel caso in cui venisse scelta la prima soluzione tattica, la difesa verrebbe confermata in toto con Milenkovic, Pezzella, Hugo e Biraghi davanti a Lafont. In mediana ballottaggio Edimilson/Gerson e Benassi/Dabo, col centrocampista italiano reduce da un problema alla caviglia. Davanti sicuri di un posto Simeone e Chiesa.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 347371
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: SS LAZIO - ACF FIORENTINA Domenica ore 15.00
« Reply #30 on: 10/06/18, 16:52 »
Guetta scrive: “Follia di Ballotta e gollonzo di Pazzini contro la Lazio”

Guetta ricorda il gol segnato da Pazzini contro la Lazio nel 2007

Vi proponiamo l’articolo amarcord di David Guetta sul Corriere Fiorentino. La storica voce viola scrive di Giampaolo Pazzini e del suo gol segnato alla Lazio all’Olimpico nel 2007:

Bisognerebbe avere la testa dei trent’anni a venti, specialmente nel calcio. Se Giampaolo Pazzini avesse affrontato la sua esperienza fiorentina con l’attuale serena maturità, la Fiorentina avrebbe risolto per un decennio il problema del centravanti e probabilmente oggi lui farebbe da chioccia a Simeone. Diceva di non pensarci troppo al gol, ma mentiva a stesso, perché quando rimaneva all’asciutto la tensione lo logorava. La famosa ansia da prestazione colpisce anche su un verde prato con le righe bianche. Il «Pazzo» arrivò a Firenze nel gennaio 2005 e Zoff lo accolse etichettandolo come giovane sconosci uto più o meno di belle speranz e. Lo svantag gio di essere toscano e, appunto, un’eccessiva sensibilità fece il resto, e così la sua esperienza in viola è stata alla fine tutta un «vorrei, ma non posso». Pochi gol (belli) in rapporto alle partite giocate e tre ombre pesantissime: Toni, Vieri e Gilardino, fino al divorzio rabbioso con Prandelli. Nel novembre 2007 segnò alla Lazio una rete tanto facile quanto importante e ridicola. Un gollonzo, propiziato dalla follia di Ballotta, che gli regalò il pallone da spingere a porta vuota e con annessi i tre punti della gara. Era l’epoca in cui la balia Vieri aveva cominciato a metterla dentro con una certa continuità e ovviamente si avvertivano i mugugni di chi lo avrebbe preferito al ragazzo di Monsummano Terme. «Non sono affatto inferiore a lui e a dirla tutta non ne vedo troppi più bravi di me in Italia», si lasciò scappare negli spogliatoi di Roma davanti ad una piccola folla di amici in cui si erano intrufolati un paio di giornalisti. Gli undici anni successivi di carriera hanno dimostrato che il «Pazzo» non aveva poi tanto torto.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 347371
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Re: SS LAZIO - ACF FIORENTINA Domenica ore 15.00
« Reply #31 on: 10/06/18, 17:01 »
Lazio, la solitudine prima della crisi. Luis Alberto e Milinkovic-Savic sono oggetti misteriosi

L’analisi de Il Messaggero sul difficile momento della Lazio

Vi proponiamo una parte dell’articolo de Il Messaggero in cui il quotidiano di Roma analizza il difficile momento della Lazio, reduce dalle sconfitte contro Roma e Eintracht Francoforte:

La solitudine, è questo uno dei principali problemi della Lazio. Solitudine che spesso fa rima con egoismo. Simone Inzaghi se l’è lasciato sfuggire a caldo dopo la sconfitta contro l’Eintracht: «Non giochiamo più da squadra, ci sono troppi giocatori che cercano di risolvere ognuno per conto proprio la partita». Una frase forte, forse un grido d’allarme. I ko contro Roma ed Eintracht hanno acuito un problema che serpeggiava da qualche tempo. Il tecnico spiega, parla, urla, perde la voce ma più di qualcuno sembra non sentirlo più. Non è in bilico ma la panchina comincia a diventare sempre più calda.

Milinkovic e Luis Alberto rimasti a furor di popolo da valore aggiunto si sono trasformati in oggetti misteriosi. Invece di trascinare il gruppo restano nell’anonimato. Il primo, mister 150 milioni, da inizio campionato sembra essere diventato un giocatore normale. Solo contro il Genoa si è ricordato di essere il Sergente che faceva impazzire i biancocelesti. Poi solo prove incolore condite dai soliti colpi fini a se stessi. Discorso simile per lo spagnolo che pare essersi ritrasformato in “Lupo” Alberto. Dice di aver sofferto di pubalgia, ai medici non risulta. Al derby è finito per essere il capro espiatorio di tutti e per tutto. Lo scollamento del gruppo sembra sempre più evidente.

Redazione VN
- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO