Author Topic: Museo Fiorentina organizza “Che rapporto fra Sla e calcio?”  (Read 220 times)

Offline Chiesa

  • Administrator
  • *
  • Posts: 260947
  • Gender: Male
  • Sangue viola. Questo l'amore non si finisce mai!
Museo Fiorentina organizza “Che rapporto fra Sla e calcio?”

Sabato pomeriggio interessante tavola rotonda organizzata dal Museo Fiorentina e dalla Regione Toscana

Il Museo Fiorentina insieme alla Regione Toscana organizzano una tavola rotonda il giorno sabato 28 maggio 2016 alle ore 11 c/o la Sala Pegaso della Regione Toscana in Piazza Duomo 10 a Firenze, dal titolo “CHE RAPPORTO FRA SLA E CALCIO?”. Intervengono l’Assessore alla Sanità della Regione Toscana Stefania Saccardi, il giornalista di Avvenire Massimiliano Castellani autore fra gli altri del libro “Sla il male oscuro del pallone”, Chantal, moglie di Stefano Borgonovo, il Dott. Nicola Vanacore ricercatore dell’Istituto Superiore della Sanità , Cristiana Segato figlia dell’indimenticabile Armando nonchè responsabile Pubbliche Relazione del Museo Fiorentina e il Presidente del Museo Fiorentina Andrea Claudio Galluzzo.

Come mai il numero dei malati di SLA nel calcio italiano è di 7-8 volte superiore alla media mondiale? Perché la Sclerosi Laterale Amiotrofica, nota anche come morbo di LouGehrig viene sempre più spesso chiamata “il morbo del pallone”? Un atto di accusa verso il mondo del calcio che in nome del business ha compromesso e comprometterà generazioni di calciatori con la somministrazione, anche a ragazzi tra i 12 e 18 anni, di medicinali privi di autorizzazione medica.

Verranno prese come esempio alcune storie come quella di Annamaria Pipitone, l’unica donna calciatrice, che si sappia, ad essere caduta nella rete velenosa della SLA e spentasi alle Molinette di Torino nel 1991, a poco più di quarant’anni. O come quella di Stefano Borgonovo e degli altri quattro calciatori del Como anche loro vittime della “morte bianca del calcio”, che hanno portato alla ribalta il legame tra SLA e mondo del calcio che però, dopo un periodo di risonanza mediatica, sembra essere ritornato nell’ombra. Storie che parlano di sofferenza, omertà, inchieste, impegno, dubbi, speranze. La speranza di una soluzione che ponga fine al silenzio sulla piaga più grave del pallone italiano.

Personalità dello sport e non solo saranno presenti alla presentazione. Al termine della stessa i presenti andranno a visitare la mostra “Fiorentina 1926/1956 le origini i trofei” nella Galleria delle Carrozze in Palazzo Medici Riccardi organizzata dal Museo Fiorentina aperta fino al 29 giugno 2016 dalle 10 alle 18 con ingresso libero.

REDAZIONE VN


- AMORE MIO - LA LUCE DEL MATTINO